I vantaggi della stampa 3D per l’industria dei connettori

In questo articolo parliamo dei vantaggi derivanti dall’utilizzo della stampa 3D per l’industria dei connettori.

La stampa 3D è una tecnologia in grado di cambiare le regole che governano la moderna industria manifatturiera, determinando notevoli benefici in termini di costi e tempi di produzione e influenzando positivamente la capacità di innovare.

I vantaggi della stampa 3D per l’industria dei connettori

Tempi di consegna accelerati

Riuscire a ridurre il time to market e accelerare il tempo di consegna, rappresenta una priorità importante per gli impianti di produzione.

Se analizziamo un connettore tradizionale, composto da un guscio metallico o composito, un inserto polimerico e contatti metallici, il tempo di produzione per ciascuno di questi componenti viene solitamente calcolato in settimane. Le parti metalliche, infatti, devono essere lavorate e fresate, il polimero deve essere fuso e iniettato nello stampo e l’assemblaggio finale viene eseguito manualmente per garantire un rigoroso processo di controllo della qualità.

Ognuno di questi processi è complesso e l’inevitabile azione umana aumenta il rischio di errore.

Oggi però, grazie alla stampa 3D per l’industria dei connettori, una volta che l’ingegnere ha modellato la propria parte e caricato il file CAD, il processo di stampa non richiede più di qualche ora, anche per oggetti complessi e di grandi dimensioni.

Le stampanti 3D sono in grado di produrre l’intera parte polimerica in un unico pezzo, riducendo la necessità di assemblare i componenti. Questo consente un notevole risparmio di tempo.

Inoltre, l’intero processo di produzione può essere fatto quasi completamente in modo autonomo. La presenza di un operatore è necessaria solo per ispezionare i pezzi e garantirne la conformità. Con la produzione additiva si ha la libertà di testare varie idee con tempi di risposta nettamente più rapidi.

Riduzione dei costi di produzione

La moderna produzione si basa su linee di produzione attentamente pianificate per ottimizzare i processi. I costi di installazione della linea, per non parlare della calibrazione di ogni macchina, rappresentano importanti costi fissi che devono essere compensati da grandi volumi di produzione.

Nel complesso, invece, i costi di produzione per la stampa 3D non cambiano in modo significativo sulla base delle quantità prodotte. Infatti, stampare un’unità o mille unità richiede, indicativamente, lo stesso costo per unità. Proprio per questo motivo è nata la stampa 3D nel campo della prototipazione.

La stampa 3D per l’industria dei connettori rende conveniente anche la produzione di tirature limitate di componenti. Inoltre, rappresenta un’opzione economica per i test iniziali di progettazione del prodotto, sostituendo la necessità di materiali più costosi per ogni iterazione.

Data courtesy of HP

Personalizzazione del prodotto

La possibilità di ottimizzare i costi di piccole serie apre nuove opportunità di business per i produttori di tutto il mondo. Infatti, i prototipi funzionali e piccoli volumi di produzione rappresentano un modo economico per testare un mercato, senza dover impegnare enormi risorse.

Allo stesso tempo, la stampa 3D per l’industria dei connettori, rende conveniente anche le personalizzazioni di parti per applicazioni altamente specifiche, consentendo agli ingegneri di aggiungere elementi in ogni fase del processo e dando loro la flessibilità di personalizzare il prodotto finale.

Innovazione nei materiali

I materiali utilizzati per i connettori spesso richiedono un’elevata resistenza a temperature estreme, vibrazioni, radiazioni UV, nebbia salina, elementi corrosivi e così via.

Per questo motivo, i produttori di connettori utilizzano un’ampia gamma di materiali e rivestimenti protettivi per migliorare le proprietà meccaniche ed elettriche dei loro prodotti.

Questi requisiti ad alte prestazioni costituivano un ostacolo alla diffusione della stampa 3D, ma le innovazioni e gli sviluppi della tecnologia mostrano che anche con le stampanti 3D è possibile realizzare componenti ad elevate performance.

Ad esempio, alcuni polimeri offrono alte prestazioni resistendo a temperature fino a 120 ° C, durata eccellente, elevata resistenza all’immersione in acqua e a prodotti chimici aggressivi.

Il servizio professionale di stampa 3D messo a disposizione da Prototek offre diversi tipi di materiali adatti all’industria dei connettori.

Il PEEK è uno dei più potenti polimeri ad alte prestazioni grazie alla sua resistenza meccanica, termica e chimica. È usato come sostituto per acciaio, alluminio e altri polimeri.

Il PA12 è un materiale termoplastico ideale per realizzare parti ad alta densità con ottima resistenza chimica ad olio, grassi, idrocarburi alifatici e alcali.

Data courtesy of HP

La tecnologia di stampa 3D può modificare completamente il modo in cui i prodotti sono progettati e realizzati. Le stampanti 3D ora consentono agli ingegneri di stampare oggetti complessi e ad alta tecnologia utilizzando una vasta gamma di materiali.

Con la stampa 3D è anche possibile, con alcune tecnologie, costruire oggetti high-tech incorporando componenti elettronici, come sensori e interruttori, mentre l’oggetto viene stampato. L’aggiunta di un elemento funzionale come un sensore in un oggetto stampato in 3D ha il potenziale per aprire mercati e applicazioni completamente nuovi.

Vuoi realizzare i tuoi componenti con la stampa 3D?

CONTATTACI PER MAGGIORI INFO